15
Dom, Set

Controllo del territorio: un arresto per tentato omicidio

Controllo del territorio: un arresto per tentato omicidio

Cronaca

Vari gli interventi ad opera dei Carabinieri tra San Giorgio Jonico, Carosino, Monteparano e Roccaforzata: un arresto in flagranza di reato per tentato omicidio, 10 le denunce a piede libero e 1 persona segnalata all'Autorità Giudiziaria quale assuntore di droga, nella notte sabato e domenica

Un arresto in flagranza di reato per tentato omicidio, 10 denunce a piede libero e una persona segnalata quale assuntore di sostanze stupefacenti, sono il risultato complessivo di un servizio di controllo straordinario del territorio ad alto impatto, disposto dal Comando Compagnia Carabinieri di Martina Franca, nei territori dei comuni di San Giorgio Jonico, Carosino, Roccaforzata e Monteparano, nella notte tra sabato e domenica.

Il massiccio dispositivo, spiegato la scorsa notte, ha visto l’intervento delle pattuglie del Nucleo Operativo e Radiomobile, sia con colori d’istituto che con auto “civetta”, delle Stazioni di Martina Franca, di San Giorgio Jonico, di Montemesola e di Grottaglie, supportate nel servizio anche da pattuglie provenienti dai Comandi Compagnia di Taranto, Castellaneta e Massafra.

Nel corso di tale attività, vi è stato un primo tempestivo intervento in san Giorgio Jonico, che ha permesso l’arresto in flagranza di reato per tentato omicidio di un soggetto 52enne di origini albanesi, Marku Gjon, già agli arresti domiciliari per prostituzione, che armato di coltello a serramanico, a seguito di un banale litigio per futili motivi, aveva accoltellato la compagna al ventre; quest’ultima, trasportata presso l’ospedale SS. Annunziata di Taranto, se l’è cavata con 10 gg di prognosi s.c., mentre per Marku Gjon si sono aperte le porte della casa circondariale di Taranto.

Inoltre sono stati eseguiti una serie di perquisizioni personali e domiciliari, nonché controlli e accertamenti, finalizzati alla repressione e prevenzione dei reati in genere, che hanno portato a denunciare in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria tarantina 10 persone ritenute responsabili di diversi reati: 3 per violazione delle prescrizioni derivanti dalle rispettive misure di affidamento in prova ai servizi sociali a cui erano sottoposti, 3 perché trovati alla guida dei rispettivi veicoli in stato di ebbrezza alcolica, 1 per esplosione di un colpo di pistola a salve, 1 per atti osceni in luogo pubblico, 1 per tentata estorsione e 1 per maltrattamenti in famiglia.  

Durante i controlli, è scattata anche una segnalazione alla Prefettura di Taranto di un soggetto trovato in possesso di due grammi di hashish; la sostanza stupefacente, sottoposta a sequestro amministrativo, verrà analizzata dai militari del L.A.S.S. del Reparto Operativo del Comando Provinciale Carabinieri di Taranto.

Fanizza Group Carglass