15
Dom, Set

Partiti i migranti sbarcati a Taranto: “Forse nuove rotte criminali”

Partiti i migranti sbarcati a Taranto, Melucci: “Forse nuove rotte criminali”

Attualità

I minori sono stati ricollocati in strutture adeguate. Dal Comune una nota spiega: “Il Ministero comprenda che gli aiuti non possono gravare sulle esigue risorse delle amministrazioni locali”    

Hanno lasciato l'hotspot di Taranto i migranti pakistani sbarcati sull'isola di San Pietro nella notte tra venerdì e sabato. Il Comune in collaborazione con Prefettura e Questura, ha garantito i generi di prima necessità, vestiario e screening sanitario.

“Ora, ricollocati i minori in strutture adeguate e ripartiti gli adulti, c'è bisogno di interrogarsi se lo sbarco di un mese fa e quest'ultimo costituiscano degli episodi o stiano prefigurando una nuova rotta delle organizzazioni criminali che lucrano sui migranti. – spiega una nota da Palazzo di Città - Non compete al Comune questa valutazione e l'amministrazione Melucci sarà sempre pronta a dare risposte in situazioni di emergenza, ma siamo certi che un'eventuale quadro di futuri interventi sarà oggetto di un confronto in Prefettura affinché il Ministero comprenda che gli aiuti non possono gravare sulle esigue risorse delle amministrazioni locali”.

Nel frattempo ieri è stata recuperata dalla Guardia Costiera e dalla Polizia la barca a vela utilizzata per il trasporto degli esuli. Era stata abbandonata in località Lido Silvana, nella marina di Pulsano. Ancora in corso le indagini per identificare gli scafisti. I migranti giunti all’hotspot di Taranto hanno dichiarato di provenire dalla Turchia e di non mangiare da una settimana. Accertati 20 casi di scabbia.

 

Fanizza Group Carglass