14
Lun, Ott

Sindacati su CCNL metalmeccanici: “Piattaforma ambiziosa”

Sindacati su CCNL metalmeccanici: “Piattaforma ambiziosa”

Economia

Al via il rinnovo del Contratto Collettivo nazionale di categoria. Tamburrano (Fim- Cisl Ta-Br): “Ambizioso in un territorio gravato da una forte crisi occupazionale”

Sono partite in tutte le aziende metalmeccaniche dei territori di Taranto e Brindisi le assemblee con il lavoratori, interessati dal rinnovo del Contratto collettivo nazionale di categoria.

Dopo alcuni mesi di confronto Fim, Fiom e Uilm hanno realizzato unitariamente la piattaforma per il rinnovo del Ccnl Metalmeccanici in scadenza al 31 dicembre 2019. Tra le province di Taranto e Brindisi sono circa 35mila i lavoratori metalmeccanici (25mila nel territorio ionico e 10mila nel brindisino).

L'obiettivo che i sindacati si pongono è il rinnovo di un contratto nazionale, condiviso dalle lavoratrici e dai lavoratori metalmeccanici, sottoscritto da Fim, Fiom, e Uilm e Federmeccanica-Assistal, e quindi il rilancio del lavoro industriale a partire dal settore metalmeccanico. Nella piattaforma si chiede, tra le altre cose, un aumento del salario dell'8% sui minimi contrattuali, relativo al periodo 2020-2022.

“Ritengo che la piattaforma presentata – spiega il segretario generale della Fim Cisl Taranto Brindisi, Michele Tamburrano - sia molto ambiziosa sia nella parte normativa che in quella economica, abbiamo l’obbligo di continuare a perseguire una contrattazione innovativa, già iniziata nel precedente contratto, aumentando i salari ma nel contempo guardando anche all’accrescimento delle competenze dei lavoratori con la formazione. Il lavoro è cambiato – prosegue il segretario - ed è necessario adeguarsi alle nuove dinamiche e solo la formazione può rendere più competente il lavoratore per affrontare le grande transizioni del futuro. Sono consapevole che il contesto sociale ed economico in cui viviamo – aggiunge - è molto difficile e il nostro territorio purtroppo continua a pagare pesante dazio in tal senso e le ultime vicende che stiamo affrontando, vedi aziende dell’appalto delle grandi committenti che sono già fallite o sono sull’orlo del fallimento o ancora aziende del settore aeronautico in crisi perenne ci obbligano a ricercare un rilancio del lavoro industriale e delle politiche economiche a sostegno della crescita e degli investimenti e della ricerca così come servono anche risorse per sostenere il reddito dei lavoratori e delle loro famiglie, attraverso la riduzione del prelievo fiscale che, oggi, di fatto, condiziona i risultati contrattuali e frena i consumi”.

Al momento sono in corso le assemblee in tutti i luoghi di lavoro per presentare e votare la piattaforma. Entro la fine di ottobre ci sarà l’apertura del negoziato con Federmeccanica e Assistal.