14
Lun, Ott

La Regione destina oltre un milione di euro al territorio jonico

La Regione destina oltre un milione di euro al territorio jonico

Economia

La somma (un milione e 600 mila euro) finanzierà progetti che vedranno Taranto e la sua provincia coinvolti. Il capoluogo jonico in particolare vedrà la realizzazione di uno studio in ambito medico e sanitario

Circa un milione e 600 mila euro stanziati dalla Regione Puglia a progetti di sviluppo rivolti a Taranto e a tutta l'area jonica. “Si tratta di risorse provenienti dalle royalties riconosciute annualmente alla regione dalle società che hanno ottenuto l'autorizzazione alla prospezione, ricerca e coltivazione dei giacimenti di idrocarburi ubicati sul territorio, e che la Regione utilizza per la realizzazione di progetti a servizio delle attività economiche e ad interventi destinati allo sviluppo del territorio. – ha commentato l’assessore allo Sviluppo economico, Mino Borraccino – In particolare 600 mila euro all'agenzia regionale ASSET che sta svolgendo attività di supporto per la costruzione del Piano strategico di sviluppo e di valorizzazione di tutto il territorio tarantino”.

“Da un lato saranno finanziati due diversi studi scientifici volti a valutare, il primo, lo spettro delle patologie del bambino e dell'adulto in soggetti direttamente esposti a fattori contaminanti e, il secondo, gli effetti protettivi sulla salute umana esercitati dall'olio di oliva naturalmente arricchito di polifenoli, vitamina E, Omega 3 e Omega 6. – prosegue - Due progetti di studio “in ambito medico e sanitario molto importanti che avranno come fulcro fondamentale la città di Taranto i cui abitanti, come noto, sono gravemente esposti ai danni alla salute procurati dalla costante esposizione alle ben note fonti inquinanti”.

Un secondo progetto sarà è volto alla creazione di un “’Laboratorio Urbano’, che “punti a coinvolgere direttamente e attivamente la cittadinanza nel percorso di redazione del Piano Strategico di Taranto che traccerà le linee per lo sviluppo futuro del territorio”.

Un ulteriore finanziamento, di 800 mila euro, è stato riconosciuto ad ARTI, l'Agenzia Regionale per le Tecnologie e l'Innovazione, che “svilupperà degli interventi di supporto alla fase di avvio delle due Zone Economiche Speciali, occupandosi di svolgere anche attività di monitoraggio del loro impatto sui sistemi produttivi regionali e per l'attrazione degli investimenti nazionali e internazionali”.

Un terzo infine riguarderà il comune di Maruggio per i quali sono previsti “200 mila euro per la realizzazione di un Centro di addestramento subacqueo direttamente collegato con lo scalo aeroportuale di Grottaglie” già “primo spazio-porto destinato ad accogliere voli suborbitali”.